Highlights

I tifosi del Milan si chiedono come giocherà la squadra rossonera guidata dal neo allenatore Stefano Pioli: ecco le possibili soluzioni

Il Milan, nonostante la vittoria di Genova, ha deciso di esonerare Marco Giampaolo e di affidare la panchina a Stefano Pioli. I tifosi non sono soddisfatti di questa scelta, ma ovviamente sono pronti a cambiare idea nel caso in cui la situazione si mettesse nel verso giusto.
Ma come giocherà il neo tecnico rossonero? Analizziamo tutte le ipotesi.

Il 4-3-3 è l’ipotesi più probabile, visto che Pioli ha praticamente sempre utilizzato questo sistema di gioco, soprattutto nell’ultima sua esperienza a Firenze. Con la difesa composta da Calabria, Musacchio, Romagnoli e Theo Hernandez, il centrocampo potrebbe avere come interpreti Bennacer (anche se Lucas Biglia, già allenato alla Lazio, potrebbe costituire una seria alternativa), Franck Kessie e Lucas Paqueta, anche se ovviamente bisogna considerare anche Hakan Calhanoglu. In attacco spazio al tridente Jesús Suso, Krzysztof Piatek e Rafael Leao, con Ante Rebic e Jack Bonaventura prime alternative,

Attenzione anche al 4-2-3-1, sistema di gioco che Pioli ha utilizzato in alternativa al 4-3-3. Con questa soluzione ci sarebbe spazio per il doppio playmaker a centrocampo (Biglia–Bennacer) o eventualmente utilizzare Kessie al posto di uno di due per garantire una maggiore copertura. Dietro l’unica punta, che sarebbe Piatek, il terzetto di trequartisti sarebbe composto da Suso, Paquetá e Rafael Leao, con Bonaventura, Ante Rebic e Hakan Calhanoglu come alternative di lusso.

Concludiamo infine con il 3-5-2, che il neo tecnico rossonero ha utilizzato in qualche occasione nel corso della sua carriera. Difficile che al Milan si veda la difesa a tre, ma questo modulo potrebbe essere riproposto in caso di necessità. In questo caso in difesa ci sarebbe Leo Duarte (o Caldara quando avrà recuperato dall’infortunio), Musacchio e il capitano Romagnoli, mentre a centrocampo ci sarebbero Conti, Kessie, Bennacer (o Biglia), Paqueta (o Bonaventura o Calhanoglu) e Theo Hernandez.
In attacco spazio alla coppia Piatek-Rafael Leao, ma attenzione anche a Suso, che potrebbe essere proposto come seconda punta per dargli meno compiti di copertura.

Domenica 20 ottobre contro il Lecce il mistero verrà svelato.

Dal primo derby milanese sono trascorsi ben 110 anni: esattamente il 10 gennaio 1909 si disputò il Primo derby che terminò con la vittoria del Milan sull'Inter con un 3-2.

I NUMERI STORICI DEL DERBY MILANESE:

223 GARE UFFICIALI DISPUTATE
– 80 SUCCESSI DELL’INTER
– 67 PAREGGI
– 76 VITTORIE DEL MILAN
– 303 LE RETI REALIZZATE DALL’INTERNAZIONALE
– 299 I GOL SEGNATI DAL MILAN

Primo derby giocato:
[Campo Milan – Porta Monforte]
Milan-Inter 3-2 (Campionato Federale 1° cat. – 10.01.1909)
——————————————————–
Primo derby vinto dai nerazzurri:
[Campo Milan – Porta Monforte]
Milan-Inter 0-5 (Campionato Federale 1° cat. – 06.02.1910 – #2)
——————————————————–
Primo pareggio:
[Stadio via Goldoni]
Inter-Milan 0-0 (19.12.1920 – Derby #13)
——————————————————–
Ultimo derby giocato:
[Stadio “Meazza”]
Milan-Inter 2-3 (17.03.2019 – Derby #223)
——————————————————–
Ultimo derby vinto dai nerazzurri:
[Stadio “Meazza”]
Milan-Inter 2-3 (17.03.2019 – Derby #223)
——————————————————–
Ultimo derby vinto dai rossoneri:
[Stadio “Meazza”]
Milan-Inter 1-0 (Coppa Italia 27.12.2017 – Derby #220)
——————————————————–
Ultimo derby vinto dai rossoneri in Serie A:
[Stadio “Meazza”]
Milan-Inter 3-0 (31.01.2016 – Derby #216)
————————————————-
Ultimo pareggio:
[Stadio “Meazza”]
Milan-Inter 0-0 (04.04.2018 – Derby #221)
————————————————-
Ultimi 5 derby giocati:
(15.10.2017) Inter-Milan 3-2
(27.12.2017) Milan-Inter 1-0 (Coppa Italia)
(04.04.2018) Milan-Inter 0-0
(21.10.2018) Inter-Milan 1-0
(17.03.2019) Milan-Inter 2-3

Sabato 21 settembre ore 20:45 scopriremo chi si aggiudicherà il 224° derby.

In serata si svolgeranno i sorteggi del calendario del prossimo campionato, al via il prossimo 24 agosto con il primo turno del girone d’andata.

Il campionato, che avrà tre turni infrasettimanali, terminerà il 24 maggio del 2020. Ufficializzato anche l'inizio della Coppa Italia, che comincerà il 4 agosto con le partite del primo turno preliminare. La finale si giocherà il 13 maggio 2020.

Prevederà quattro soste per gli impegni della Nazionale e una, nel week end del 28 e 29 dicembre, per le festività natalizie e di fine anno. Lo ha reso noto le Lega calcio attraverso un comunicato.

VINCOLI DEL SORTEGGIO- Niente big matches tra Juventus, Inter, Milan, Napoli, Roma o derby nella prima giornata e nei turni infrasettimanali. Nella stessa giornata non ci potrà essere più di un confronto tra le grandi della Serie A. Inoltre, le squadre che si sono affrontate nella prima giornata della scorsa stagione non possono incrociarsi nel primo e nell’ultimo turno del prossimo campionato.

Ci sarà la tradizionale alternanza tra le squadre della stessa città. Un’eccezione per Roma e Lazio: le due romane non avendo a disposizione lo Stadio Olimpico a partire dal 18 maggio 2020, dovranno disputare entrambe in trasferta la 19esima di ritorno.

Le partite di andata saranno speculari a quelle di ritorno.

 

Francesco Totti ha deciso e lunedì darà il suo addio definitivo alla Roma.

Lo farà con una conferenza stampa convocata al Coni, presso il Salone d'Onore, nel primo pomeriggio. Lì Totti spiegherà i suoi perché, i motivi che lo hanno portato a una scelta sofferta e dolorosa.

Lunedì dirà tutta la sua verità, probabilmente levandosi anche qualche sassolino che gli dà ancora fastidio. E sperando, un giorno, di poter tornare. Ma a modo suo. E, magari, con Daniele De Rossi al suo fianco.

L'annuncio ufficiale del club nerazzurro alle 6 del mattino: "Qui per riportare l’Inter dove merita". Steven Zhang: "Antonio uno dei migliori al mondo".

Il neo allenatore dell'Inter è arrivato a Madrid insieme alla dirigenza dell'Inter al completo. Insieme a Conte anche il presidente Zhang e dirigenti Marotta, Antonello, Ausilio e Baccin. Ricordiamo che Conte assisterà alla finale di Champions League tra Tottenham e Liverpool e questa due giorni servirà alle parti per approfondire la conoscenza e magari iniziare a intavolare un piano di rinforzamento della squadra".

Il presidente dell'Inter, dopo aver dato il benvenuto ad Antonio Conte su Twitter, ha postato anche un pensiero su Instagram: "Facciamo la storia insieme", proprio a indicare come l'obiettivo dell'Inter del futuro sarà proprio quello di ritornare tra le grandi

Ha dichiarato: “Una scelta sofferta ma ponderata. Rinuncio al contratto? Sì, perché la mia storia col Milan non potrà mai essere una questione di soldi”

“Decidere di lasciare la panchina del Milan non è semplice. Ma è una decisione che dovevo prendere. Non c’è stato un momento preciso in cui l’ho maturata: è stata la somma di questi diciotto mesi da allenatore di una squadra che per me non sarà mai come le altre. Mesi che ho vissuto con grande passione, mesi indimenticabili. La mia è una scelta sofferta, ma ponderata. Rinuncio a due anni di contratto? Sì, perché la mia storia col Milan non potrà mai essere una questione di soldi”, questo il messaggio d’addio a Repubblica di Rino Gattuso al Milan. L’ormai ex tecnico rossonero, infatti, aveva un contratto con i rossoneri di cinque milioni e mezzo di euro netti fino al 2021.

Classifica Serie A

Ultime Notizie

Bettime News

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Luogo pubblicazione: Cagnano Varano (FG)
Internet provider: Telecom Italia
Titolare: Tenace Games S.r.l. S.

Ultimo aggiornamento

Tenace Games S.r.l. S.© 2020

Search